Provincia




Comune



Home CGP



Home generale

SPONSOR:


SISTEMI TELEMATICI
FORNITI DA:

bannercgp


METEOROLOGIA IN "PILLOLE"
Raccogliamo in questa sezione alcune pagine che sviluppano temi a carattere meteorologico e climatico che sono oggetto di frequenti domande da parte dei nostri lettori.
Questa sezione sara' in continuo sviluppo e poiche' alcuni degli argomenti trattati possono essere anche piuttosto complessi, cercheremo di somministrarveli... in "pillole".
Per sottoporci quesiti particolari mandateci una
E-mail


LE PRECIPITAZIONI COLORATE

La pioggia mista a polvere o la neve colorata di tinte tra il rosa e l'arancione non sono fenomeni rari in pianura padana e sulle Alpi. Quando una attiva depressione atlantica entra sul Mediterraneo con la sua circolazione puo' arrivare a raccogliere aria calda dall'entroterra Sahariano (Marocco, Algeria) sollevando la polvere del deserto.
La circolazione antioraria della depressione convoglia quindi la massa d'aria che contiene la polvere dapprima sopra il Mediterraneo, ove si arricchisce di umiditÓ, e infine da SE (Scirocco) attraverso l'Adriatico a ridosso della barriera alpina, ove si scaricano le precipitazioni. Le piogge che cosi cadono sulla pianura padana sono quindi ricche di polveri, ben evidenti nei depositi lasciati sulle carrozzerie delle vetture. Analogamente la neve in montagna assume una leggera colorazione dal bianco panna all'arancione che varia in funzione del quantitativo di polveri.


Figura 1: Il percorso delle polveri sahariane che talvolta colorano le piogge o la neve in Val Padana e sulle Alpi.

La neve contenente polveri del Sahara si riconosce come strato colorato effettuando una sezione del manto nevoso. Talvolta la superficie di ghiacciai e nevai assume colorazione rossiccia anche per la presenza di un'alga (Hematococcus Nivalis) che forma estese colonie durante la stagione estiva.
La polvere Sahariana altera anche l'aciditÓ della pioggia. La pioggia non inquinata possiede un PH leggermente acido, attorno a 5.7, ma usualmente sulle nostre regioni il PH registrato Ŕ sensibilmente pi¨ basso, anche fino a valori di 4 o 3.5 a causa di ossidi di Azoto e anidride solforica immessi nell'atmosfera dagli impianti di riscaldamento e dal traffico veicolare. Gli ossidi di Azoto si trasformano nella pioggia in acido nitrico mentre l'anidride solforica produce acido solforico.
Le polveri sahariane invece agiscono al contrario, tamponando l'aciditÓ ed anzi portando il PH a valori basici.
Un fenomeno pi¨ raro provocato dalle polveri sahariane in sospensione nelle nubi Ŕ la colorazione del cielo con tinte dal rosa all'arancione dovute all'effetto filtro e diffusione delle polveri.


Figura 3: Insolita colorazione arancione del cielo il giorno 21 Febbraio 2004 presso l'aeroporto di Orio al Serio. Fenomeno analogo Ŕ stato osservato nella stessa giornata su tutto il NE da Venezia a Bergamo.




Numero visitatori dal 17 Maggio 2001



1996-2004© Società Astronomica G.V.Schiaparelli - l'uso di testi, immagini e dati numerici è consentito solo per consultazione e scopo personale. Per ogni altro utilizzo richiedere autorizzazione a:


SocietÓ Astronomica G.V.Schiaparelli